Abdelaziz El Idrissi
20 aprile 2017
Alberto Tonini
7 aprile 2017
Show all

Alaa Arsheed

MDT2018__0018_Alaa-Arsheed
Alaa Arsheed è un talentuoso violinista siriano nato a Suwayda, in provincia di Daraa, dove nel 2011 iniziò la primavera araba contro il regime. Alaa, insieme alla famiglia, gestiva il caffè-galleria “Alpha” dove attraverso l’arte e la cultura creavano una forma alternativa di protesta. Con il crescere delle tensioni, Alaa è fuggito in Libano insieme ai fratelli, portando con sé solo i suoi vestiti e il violino. A Beirut, viene casualmente a contatto con Alessandro Gassman, impegnato nella produzione del documentario sui rifugiati siriani “Torn – Strappati”. Gassman lo vuole nel “cast” e viene successivamente notato da Fabrica, centro di ricerca sulla comunicazione di Treviso che gli offre una borsa di studio nel 2015. Da allora si esibisce dal vivo e ha recentemente registrato il suo primo album “Sham” che celebra Damasco e il ricordo della sua Siria.

Partecipa a:
Concerto all'alba
Abdelaziz El Idrissi
20 aprile 2017
Alberto Tonini
7 aprile 2017
Show all

Alaa Arsheed

MDT2018__0018_Alaa-Arsheed
Alaa Arsheed is a talented Syrian violinist born in Suwayda, in the province of Daraa, in which the Arab spring began against the regime in the 2011. Alaa, together with the family, managed a café-gallery called "Alpha", creating an alternative form of protest via art and culture. As tensions risen, Alaa fled to Lebanon with his brothers, carrying only his clothes and violin. In Beirut, he casually met Alessandro Gassman, while he was engaged in the production of the documentary about Syrian refugees "Torn - Strappati". Gassman wanted him in the "cast". Alaa was then noticed by Fabrica, a research center on communication in Treviso which offered him a scholarship in the 2015. Since then he has performed live and recently recorded his first album "Sham" which celebrates Damascus and the memory of his Syria.

Partecipa a:
Concerto all'alba